Liliana Resinovich, trenta giorni dopo: il suo corpo nei sacchi neri, il ruolo del marito e dell’amico, i tanti misteri da risolvere

La sessantatreenne, ex dipendente regionale, è stata trovata morta tre settimane dopo, il 5 gennaio, tra la fitta vegetazione del parco dell’ex Ospedale psichiatrico. Abbiamo ricostruito in questo speciale quattro settimane di indagini e interviste, tra i protagonisti della vicenda e gli esperti

TRIESTE. La borsetta e i cellulari a casa. Il cadavere scoperto nel bosco, nei sacchi neri dell’immondizia. E il triangolo tra la donna, il marito e l’amico. È trascorso un mese dalla scomparsa di Liliana Resinovich. Era il 14 dicembre. La sessantatreenne, ex dipendente regionale, è stata trovata morta tre settimane dopo, il 5 gennaio, tra la fitta vegetazione del parco dell’ex Ospedale psichiatrico.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Milano, vigile in borghese spara un colpo in aria: disarmato da un gruppo di ragazzi

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi