Contenuto riservato agli abbonati

Figli incollati a chat, social e videogiochi: i consigli ai genitori contro dipendenza e isolamento

Il rischio per i ragazzini è di auto escludersi dal mondo esterno

UDINE. Videogiochi, chat, social: è allarme dipendenza per i bambini e adolescenti, sempre più immersi in realtà virtuali che li allontanano dalla “vera” realtà, fatta di amici e scuola.

Il rischio, nei casi più gravi, è il ritiro sociale, che può iniziare con la diminuzione delle relazioni dal vivo per poi sconfinare nell’auto esclusione dal mondo esterno.

Se ne parla allo Sportello di ascolto dedicato alle dipendenze tecnologiche attivato a Udine da Pollicino, una costola della onlus Hattiva Lab, aperto ai genitori di ragazzi fino ai 18 anni (ma anche di preadolescenti di 9-10 anni) alle prese con questo conflitto “invisibile”.

Video del giorno

Torino, gli agguati in metrò della baby gang del centro: presi in quattro fra i 15 e i 17 anni

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi