Contenuto riservato agli abbonati

La Procura di Trieste: il corpo di Liliana Resinovich non deve essere cremato

TRIESTE. L’autopsia, la Tac e il tossicologico potrebbero non bastare. Per far luce sul mistero di Liliana Resinovich, la sessantatreenne triestina scomparsa il 14 dicembre e trovata morta il 5 gennaio tra la vegetazione dell’ex Ospedale psichiatrico, non si escludono altri esami e analisi.

La Procura di Trieste, come conferma il procuratore capo Antonio De Nicolo, ha quindi disposto il divieto di cremazione della salma.

Video del giorno

Anne Hathaway VS Julia Roberts: la sfida di stile al Festival di Cannes 2022

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi