Contenuto riservato agli abbonati

Sempre più dimissioni tra gli operatori della sanità: «Il sistema è al collasso, siamo stremati e costretti a salti mortali»

L’atto d’accusa dei sindacati di categoria: «Dalla Regione poco coinvolgimento». In aumento i dipendenti che decidono di licenziarsi e lavorare per il settore privato

UDINE. Allo stremo. Costretti a salti mortali e cambi di turno comunicati con scarsissimo preavviso, che hanno come effetto diretto l’esplosione dello straordinario: soltanto nell’Azienda sanitaria Friuli centrale gli operatori hanno chiuso il 2021 con 300 mila ore lavorate in più.

Poche, pochissime tutele e ancor meno soddisfazioni, non solo e non necessariamente economiche, che hanno come effetto una diaspora che coinvolge decine e decine di operatori sociosanitari e infermieri, che decidono dopo mesi di pressione diventata insostenibile di licenziarsi o migrare verso i lidi del privato.

È

Video del giorno

Azovstal: l'"ultima sigaretta" del soldato fra le bombe è il simbolo della fine della battaglia

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi