Contenuto riservato agli abbonati

Lo studente deve essere tutelato come il lavoratore: «Sicurezza cruciale per chi è più vulnerabile»

UDINE. Studente o lavoratore non fa alcuna differenza. Proprio come i dipendenti dell’azienda, i ragazzi che intraprendono il percorso formativo all’interno di uno stabilimento sotto l’egida della scuola di provenienza e seguiti da un tutor aziendale «sono assicurati, hanno una posizione Inail, godono di diritti e devono sottostare a regole precise in materia di sicurezza».

A specificarlo è l’avvocato Vito Di Trapani, giuslavorista, consigliere dell’Ordine degli avvocati di Udine con delega sul personale dipendente e titolare di uno studio legale udinese che da anni si occupa di diritto del lavoro.

Video del giorno

Torino, gli agguati in metrò della baby gang del centro: presi in quattro fra i 15 e i 17 anni

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi