Contenuto riservato agli abbonati

Covid, turni massacranti e stipendi inadeguati: negli ultimi otto mesi 152 infermieri hanno lasciato le strutture friulane

Sciopero indetto da Nursind e Usb: «Siamo sotto pressione, tante dimissioni e sempre più contagi»

UDINE. Sotto pressione da mesi. Con stipendi giudicati inadeguati e al di sotto degli standard retributivi degli altri Paesi. Costretti a districarsi tra turni massacranti, straordinari, spostamenti di reparto legati all’emergenza coronavirus, gli infermieri che prestano servizio in Friuli sono allo stremo.

Lo hanno denunciato con forza gli iscritti a Nursind e Usb, che venerdì 28 gennaio hanno scioperato proprio per chiedere alle istituzioni maggior attenzione per una categoria che si sente «spremuta e abbandonata», come recitavano alcuni dei cartelli agitati nella mattinata in piazza a Trieste, nel corso della manifestazione organizzata dal sindacato delle professioni infermieristiche.

Video del giorno

Omicidio a Foggia, quattro colpi di fucile e la vittima non ha scampo: in 10 secondi il killer uccide e scappa

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi