Contenuto riservato agli abbonati

L’autopsia conferma: Lorenzo è stato travolto e ucciso da una barra d’acciaio

Il medico legale ha eseguito l’esame sul corpo del 18enne morto nell’ultimo giorno del suo stage in azienda

UDINE. La barra d’acciaio di 150 chili gli è crollata sulla testa. Lo ha centrato, neanche avesse preso la mira, sfracellandosi sul suo corpo. E procurandogli «lesioni cranio encefaliche» risultategli fatali. È un responso tanto chiaro e lineare, quanto lo è il buio che all’improvviso ha inghiottito i 18 anni di Lorenzo Parelli, quello che il medico legale Carlo Moreschi ha comunicato alla Procura, nella tarda mattinata di venerdì 28 gennaio, al termine dell’autopsia disposta dal pm Lucia Terzariol, titolare del fascicolo aperto sul caso per omicidio colposo.

Video del giorno

Crozza diventa Berlusconi: "Sono trent'anni che invento storielle"

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi