Esplosione in un impianto chimico in Slovenia, a circa 80 km dal confine con l’Fvg. L’Arpa: “Nessun allarme”

Foto di Barbara Renchof tratta da rtv.slo

Ci sarebbero alcuni operai feriti e 4-5 persone disperse

KOCEVJE. Un'esplosione è avvenuta questa mattina, 12 maggio, intorno alle 8.35, in una fabbrica chimica nella cittadina di Kocevje, in Slovenia. Lo ha riferito l'agenzia di stampa slovena Sta. L'esplosione, che ha interessato l'impianto dell'azienda Melamin, ha provocato un incendio. Un fumo denso si è alzato sulla cittadina, di poco meno di 8mila abitanti, nel sud della Slovenia, si evince dalle foto circolate sui media di Lubiana.

Possibile traiettoria delle masse d’aria presenti sopra l’impianto di Kocevje nel momento dello scoppio. Simulazione Arpa FVG del 12 maggio 2022 su dati NOAA

Secondo quanto reso noto dai media sloveni, sulla base di informazioni fornite dall'azienda all'agenzia Sta, quattro o cinque persone risultano ancora disperse dopo l'esplosione al sito industriale avvenuta questa mattina in una fabbrica chimica a Kocevje in Slovenia. Il numero dei feriti sarebbe invece inferiore alle stime iniziali, anziché più di venti si parla ora solo di sei. Di essi, due sarebbero in condizioni gravi e sono stati trasportati in un ospedale di Lubiana in elicottero. Si tratterebbe di dipendenti dell'azienda.

Poiché non era chiara l'origine dell'incendio, in mattinata i residenti erano stati invitati a rimanere in casa e chiudere le finestre. I media locali hanno riferito che l'esplosione è stata così potente che è stata avvertita dalle persone negli edifici vicini.

Per quanto riguarda eventuali ricadute a Trieste, l’Arpa Fvg è intervenuta con un comunicato: “Sono da escludere delle ricadute di inquinanti nel territorio del Friuli Venezia Giulia causate dalla forte esplosione e dall’incendio che si è verificato questa mattina alle 8.30 circa nell’impianto chimico Melamin di Kocevje a circa 80 km da Trieste in direzione est. Le stazioni della rete di monitoraggio della qualità dell’aria di Arpa Fvg – si legge in una nota -, che effettuano misure in continuo h24, non hanno rilevato al momento alcuna variazione significativa delle concentrazioni orarie degli inquinanti, in particolare del particolato PM10 e PM2.5. Inoltre, dall’analisi degli attuali regimi dei venti prevalenti si evidenzia che i fumi dell’incendio sono diretti in direzione est, in allontanamento dal Friuli Venezia Giulia”.

L’impianto chimico produce resine per l'industria della carta, delle costruzioni, delle vernici e della gomma. Dalle prime informazioni reperibili in rete sembrerebbe che l’esplosione sia avvenuta nel piazzale esterno ed abbia interessato un’autocisterna.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Cappella Sistina, Jason Momoa si scusa coi fans italiani per le foto: “Non volevo offendervi”

Barrette di ceci, cioccolato fondente, mandorle e uvetta

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi