Contenuto riservato agli abbonati

Causò l’incidente in cui morirono due cugine, respinta l’istanza di patteggiamento: l’imprenditore che guidava il suv a processo il 21 giugno

Il procuratore Raffaele Tito non ha accolto la richiesta presentata dalla difesa di Dimitre Traykov

PORDENONE. Il procuratore Raffaele Tito ha respinto oggi (martedì 24 maggio) in udienza l'istanza di patteggiamento a 5 anni di reclusione presentata dalla difesa di Dimitre Traykov, il 62enne imprenditore di origine bulgara residente a Pordenone, accusato di omicidio stradale plurimo con l'aggravante della fuga e dell'abuso di alcol e omissione di soccorso.

Video del giorno

I soldati ucraini sbagliano a usare il mortaio

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi