In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
LA LOTTA CONTRO IL FUOCO

Migliora la situazione degli incendi in Friuli: fiamme sotto controllo a Taipana e Frisanco

Deciso il rientro di tutti gli sfollati sul Carso goriziano

Aggiornato 2 minuti di lettura

UDINE. L’annunciata (e attesa) pioggia caduta nella notte tra venerdì 29 e sabato 30 luglio – leggera in collina e pianura, più intensa nell’area montana – ha contribuito a migliorare sensibilmente la situazione degli incendi in Friuli e sul Carso, dove resta comunque massima l’allerta, anche in previsione del progressivo rialzo delle temperature annunciato in tutta la regione già a partire dalla tarda mattinata di sabato 30 luglio.

Una mano decisiva per gli uomini impegnati ormai da oltre 10 giorni sulle montagne delle province di Udine, Pordenone, Gorizia e Trieste.

A Resia proseguono gli interventi per bonificare il terreno e ridurre i rischi di una nuova ripartenza dell’incendio che da giorni sta interessando la zona. Sul posto restano impegnati i forestali delle stazioni di Resia, Moggio, Pontebba e Tolmezzo, oltre ai volontari della Protezione civile.

Macchie nere sui nostri boschi: la Val Resia distrutta dagli incendi vista dall'alto

Già nella serata di venerdì 29 luglio sul Gran Monte il fuoco aveva perso consistenza grazie alle precipitazioni notturne, ma resta massima l’allerta per possibili focolai ancora attivi all’interno della fitta area boschiva, dove alcune decine di ettari sono andati in fumo: al momento non è segnalata una situazione di pericolo per centri abitati e popolazione.

Dalle 22 di venerdì 29 luglio, invece, è stata «aperta la pista sul Resia alternativa alla strada provinciale ex 42 che sarà transitabile agli automezzi in autonomia». Lo ha annunciato in serata il sindaco di Resia, Anna Micelli, che ha precisato: «Sarà necessario entrare a Povici e seguire le indicazioni delle deviazioni per Resia, fino al guado che porta a Rio Nero.

La pista è sterrata ed ha 4 guadi. È pertanto indispensabile essere molto prudenti nella guida e moderare la velocità per evitare spiacevoli inconvenienti. Verrà utilizzata fino a quando l'ente di decentramento regionale non aprirà nuovamente al transito la ex strada provinciale 42.

Confidiamo nella collaborazione di tutti al fine di monitorare lo stato delle condizioni della pista nel tempo. Per altre informazioni si resta a disposizione».

Spente del tutto le fiamme sui monti del Pordenonese.

Migliora la situazione anche sul Carso goriziano, dove nella mattinata di sabato 30 luglio, in una riunione congiunta di tutte le componenti operative impegnate nella lotta contro gli incendi, è stato deciso il rientro di tutti gli oltre 400 residenti evacuati giovedì 28 luglio negli abitati di Devetachi, Visentini, Marcottini e San Michele.

Restano tuttavia sotto stretto monitoraggio gli abitati di Gabria, Devetachi e Marcottini. Nella giornata di venerdì, fino al tardo pomeriggio, erano proseguite le operazioni per lo spegnimento e contenimento delle fiamme, agevolate in serata dall’arrivo della pioggia, seppur troppo leggera per mettere in definitiva sicurezza il vasto fronte da giorni ormai interessato dai roghi. I vigili del fuoco continuano ad applicare il dispositivo messo in campo con più di 80 vigili del fuoco e una ventina di mezzi.

Con loro stanno operando i “Gasilci” sloveni con una cinquantina di uomini, personale del Corpo forestale regionale, volontari Aib (Antincendio boschivo) della Protezione civile e forze di polizia che svolgono le operazioni di supporto di loro competenza. Alcune squadre sono impegnate nello spegnimento e bonifica dei focolai, altre invece presidiano abitazioni e infrastrutture potenzialmente messe a rischio dall'incendio.

I commenti dei lettori