In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
La rassegna

Il Friuli e il mondo delle tradizioni: Avostanis riapre il suo laboratorio

Anche la 31ª edizione vedrà al centro del programma la figura di Pasolini. Sabato il via degli incontri organizzati dai Colonos tra racconti, musica e arte

2 minuti di lettura
“La Morteana. Part dal fantat” tratta da una commedia di Pier Paolo Pasolini, andrà in scena il 28 agosto 

UDINE. “Un paìs no me” è la consapevolezza di un mutamento, la fine irreparabile di un mondo, quello contadino, e l’affermarsi di una società a dittatura consumistica in cui Pier Paolo Pasolini non si riconosce e rispetto alla quale si sente straniero. Cambiata è la società così come cambiato è il senso di appartenenza alla propria terra che forse non è più propria. L’aga dal “me paìs” del verso del 1941 diventa aga di un “paìs no me” nel 1974. È questo il titolo emblematico della 31ª edizione di Avostanis. Un programma ricco e importante che arriverà fino al 28 ottobre, sotto la direzione artistica di Federico Rossi. Per il centenario della nascita di Pasolini, i Colonos proseguono un percorso di riscoperta del pensiero e dell’opera del poeta che scandisce la storia dell’associazione culturale fin dalla sua origine.

Avostanis si apre con “Jo (no) sai”, inaugurazione dell’opera site-specific dell’artista Maria Elisabetta Novello a cura di Angelo Bertani sabato alle 21, seguita dal Brindisi Nonino. «Io so», scrive Pasolini. Ma il suo pensiero dichiarato ora si carica di un “no” tra parentesi. In un mondo complesso, dove tutto è filtrato e offuscato, l’artista intende sollecitare il desiderio di vedere, invitando lo spettatore, a muoversi tra le installazioni realizzate nell’aia dei Colonos con elementi precari come la polvere e la luce. Arte come condivisione di esperienza, interazione con l’opera, fusione di spazio, tempo, soggetto e gesto.

Il programma di agosto prevede altri importanti incontri a cominciare da lunedì 8 alle 21 quando sarà possibile rivivere un evento epocale della storia culturale dei Colonos e del Friuli. Si tornerà a quel 25 agosto 1996 quando nell’aia di Villacaccia andò in scena “I Turcs tal Friúl” per la regia di Elio De Capitani.

Il video-documentario di quell’evento, rimasterizzato nel quarantennale della morte di Pasolini e trasmesso su Rai5 nel 2015, verrà proiettato nella versione integrale nell’aia in cui ha preso vita come una sorta di tragedia greca o sacra rappresentazione. La regia del video è di Remigio Romano con la supervisione di Elio De Capitani. In collaborazione col teatro Elfo Puccini, verrà presentato da Federico Rossi, da Angelo Battel e dal regista con video-interviste a Elio De Capitani.

Giovedì 11 agosto alle 21 ascolteremo “La musine dai cjants” di Lino Straulino. Nuove canzoni che nascono dalla tradizione friulana più antica. Una conferenza-concerto in cui verrà presentato il nuovo libro-cd, frutto di una lunga ricerca sugli elementi fondanti della villotta per dare vita a una nuova stagione musicale del canto popolare. Ai Colonos di Villacaccia si intrecceranno la chitarra e la voce di Lino Straulino e di Alvise Nodale e la voce di Marisa Scuntaro.

Ancora musica giovedì 18 agosto alle 21 con il gruppo Braul in concerto che presenta l’anteprima del nuovo lavoro. “Metûts in musiche” è il titolo dell’evento che rimanda all’operazione artistica alla base del progetto.

Dare voce alle storie, ai libri della nostra terra o sulla nostra terra, traducendoli in musica. Se è possibile il passaggio dalla letteratura alla sceneggiatura per un film, forse è lecito anche per una trasposizione musicale.

Ritorna l’appuntamento con i progetti dal cantiere creativo del Friuli, che saranno illustrati in anteprima ai Colonos martedì 23 agosto alle 21 in “Provis viertis di culture furlane”. Federico Rossi e Giulio Pagotto presenteranno le idee in divenire con Gabriella Bucco e Matteo Mazzolini, Piero Petrucco, Graziano Tilatti, Fabien Marques e Marta Tasso, Maris Sebastian Croatto, Hamza e Giulio Ghirardini, Fabiano Fantini, Claudio Moretti, Elvio Scruzzi e Martina Delpiccolo. Tra i progetti, il laboratorio per il nuovo Bauhaus europeo, con elementi anche locali, l’evento espositivo dei Trent’anni senza la Birra Moretti, una tesi di laurea-docufilm su un clandestino del nostro territorio, un’azienda friulana nel mercato internazionale che si pone come società benefit dotata di una missione sociale, un laboratorio artigianale di trasmissione del lavoro a mano e il lancio del nuovo spettacolo del più popolare gruppo teatrale friulano.

Domenica 28 agosto alle 17.30 andrà in scena “La Morteana. Part dal fantat” tratta da una commedia di Pier Paolo Pasolini per la regia di Massimo Somaglino con Klaus Martini, Valentina Saggin (anche autrice delle coreografie), Anna Savanellli, Andrea Rizzo. Canti e musiche eseguite da Mirko Cisilino, Laura Giavon e Giorgio Parisi. Lo spettacolo, nato da un progetto promosso dall’assessorato alla Cultura del Comune di Casarsa verrà introdotto da Fabio Cristante.

I commenti dei lettori