In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Le indagini

Incendi dolosi a Polcenigo, è caccia al piromane

Il sindaco Della Toffola: episodi analoghi lo scorso inverno. Spenti subito nuovi focolai dalla protezione civile comunale

Aggiornato alle 1 minuto di lettura

POLCENIGO. Caccia al piromane che ha appiccato il fuoco ai boschi in località Santissima e a Mezzomonte. Prende corpo l’ipotesi dolosa all’origine dei roghi a Polcenigo. Non solo per i molteplici inneschi, altrimenti inspiegabili, ma pure per i precedenti.

Intanto, nella mattinata di venerdì 5 agosto, il sindaco di Polcenigo Mario Della Toffola ha effettuato una ricognizione, all’indomani dalla bonifica, trovando «alcune fumarole nelle ceppaie».

Subito ha fatto intervenire i volontari di protezione civile comunali, che hanno spento i focolai. «Questo inverno – rivela il sindaco– si sono già verificati episodi. In maniera del tutto fortuita due volontari di protezione civile che scendevano da Mezzomonte hanno incrociato un’auto e subito dopo si sono accorti che stava bruciando della sterpaglia vicino al cimitero, riuscendo a spegnerlo subito. Anche in quel caso l’innesco è stato voluto».

Spetterà alla guardia forestale e ai carabinieri della stazione di Polcenigo fare luce sull’accaduto. «Si spera – osserva Della Toffola – che ci siano indizi da approfondire. Ora è tutto in mano alle forze dell’ordine che hanno avviato le indagini. Pur non essendo un’autorità inquirente sono convinto che si tratti di un fatto doloso. A Mezzomonte, per esempio, sono partiti due incendi, a destra e a sinistra del tornante, separati da dodici metri di strada. È impossibile che il fuoco si sia sviluppato in un unico punto. In località Santissima è partito forse pochi minuti dopo, ma il rogo è stato circoscritto più rapidamente. La convinzione è che ci sia un piromane all’opera».

Sulla strada che da Coltura porta a Mezzomonte, lunga circa 7 chilometri, e in località Santissima, non ci sono però telecamere.

Resta la speranza di un testimone casuale: chiunque abbia informazioni utili può condividerle con i carabinieri.

Il sindaco ha ringraziato i vigili del fuoco, la forestale, il personale dell’elicottero e i volontari di protezione civile arrivati in rinforzo a quelli di Polcenigo dai comuni limitrofi (Aviano, Caneva, Budoia, Fontanafredda) per il tempestivo e decisivo intervento.

L’amministrazione comunale ha in cantiere l’installazione di telecamere e lettori targhe lungo le vie d’accesso al paese (siamo al progetto definitivo, l’auspicio di Della Toffola è che siano operative entro la fine dell’anno o l’inizio del 2023).

I primi 4 lettori saranno collocati lungo due ex provinciali 29 e 10, blindando gli accessi da Caneva, Budoia e Fontanafredda.

I commenti dei lettori