In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
MANUELA SOFFIENTINI

Electrolux continuerà a investire in Italia, ma verifiche in corso

La presidente: «Nessun dramma, ma efficienteremo». «Tecnologia, welfare e competitività qui sono cardini»

Enri Lisetto
1 minuto di lettura

«Nessuna scelta drammatica, ma di efficientamento». Così la presidente di Electrolux Italia Manuela Soffientini definisce l’annunciata riorganizzazione del Gruppo nel mondo.

Parla agli imprenditori ospiti dell’Innovation Factory di Porcia, primo capannone dell’allora Zanussi, nell’ambito del ciclo di eventi Gedi Top 500.

La ristrutturazione (che prevede un taglio di 4 mila unità, perlopiù in Nord America) «è recente ed è la sintesi di una situazione che è stata estremamente severa negli ultimi mesi», è la premessa.

Il picco di domanda dopo la pandemia ha stressato la capacità produttiva, la scelta dei prodotti migliori per performance e la scarsità di materia prima e di componenti elettroniche hanno avuto un «pesante impatto sui costi» in un contesto competitivo dominato dalla presenza di gruppi industriali, molti di matrice asiatica, che hanno una resilienza diversa.

Il conflitto tra Russia e Ucraina, inoltre, «ha completamente escluso una serie di mercati creando incertezza».

È in questo contesto, e mentre il mercato sta riassorbendo i forti picchi, che il Gruppo Electrolux ha annunciato un «importante programma di efficientamento, in conseguenza della domanda in forte calo».

Viceversa, «l’investimento per potenziare la capacità produttiva in un’altra unità», quella di Solaro, sebbene soggetto ad accordo sindacale, «rappresenta uno dei segnali di grande attenzione per il mercato italiano».

La ristrutturazione, insomma, per il momento si concentrerà soprattutto in Nord America, mentre in Italia la multinazionale svedese sarebbe intenzionata a continuare a investire.

Mai, però, dare tutto per scontato perché, incalzata dal presidente di Confindustria Alto Adriatico Michelangelo Agrusti e dal moderatore, il capo della redazione di Pordenone del Messaggero Veneto Antonio Bacci, sulle carenze infrastrutturali del territorio la presidente del Gruppo Electrolux Italia ha aggiunto: «Le multinazionali vanno attratte e trattenute».

Quanto alla sostenibilità, resta l’impegno a ridurre dell’80 per cento le emissioni di Co2 entro il 2030, «e il risultato è già molto incoraggiante visto che nel 2021 sono diminuite del 78 per cento».

Ai consumatori viene fornito un prodotto in grado di calcolare il risparmio in bolletta al momento dell’acquisto.

Infine welfare e futuro. Electrolux punta sulla tecnologia spinta da vent’anni a questa parte, tanto che in Italia sono tre, Porcia compresa, i centri di ricerca: 800 ricercatori con una visione mondiale, in competizione con i principali gruppi concorrenti.

«Il digitale sarà un elemento chiave del futuro». Così come il poter “stare bene”, in sede o in smart, «politica radicata già prima della pandemia» per garantire un sereno equilibrio tra famiglia e lavoro.

I commenti dei lettori