In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
la presentazione

Presepe di Sutrio in piazza San Pietro a Roma, Fedriga: una vetrina importante per la montagna e la regione

2 minuti di lettura
GIOVANNI MONTENERO 

"Da inizio legislatura questa è la seconda occasione in cui il Friuli Venezia Giulia contribuirà all'allestimento natalizio di piazza San Pietro: la prima è stata nel 2018 con l'abete, al quale sabato si aggiungerà ora il presepe di Sutrio. Si tratta di una vetrina importantissima per la nostra regione, che mette a disposizione della comunità globale l'eccellenza artistica del Friuli Venezia Giulia e lo fa guardando alla sostenibilità ambientale. Inoltre, la scelta di usare le radici degli alberi spezzati dalla tempesta Vaia per realizzare la culla dove sarà deposta la raffigurazione di Gesù bambino stabilisce un importante collegamento spirituale tra la natività e la nostra regione. Questa scelta racchiude un messaggio di rinascita che, oltre a impreziosire la qualità dell'opera, trasmette i valori fondanti del Friuli Venezia Giulia".

Lo ha detto il governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga durante la presentazione del presepe di Sutrio che da sabato 3 dicembre all'Epifania sarà esposto in piazza San Pietro a Roma per le festività natalizie. Il Presepe del Natale 2022 in Vaticano, realizzato da un team di artisti ed artigiani del legno che da decenni sono attivi sul territorio, rappresenta la natività a grandezza naturale, scolpita in grossi tronchi di legno di cedro e sarà inaugurato alle 17 di sabato, dopo che in mattinata una delegazione del Friuli Venezia Giulia, guidata dal governatore Fedriga, sarà stata ricevuta dal Santo Padre in Vaticano.

Il governatore ha evidenziato che "la presenza del presepe di Sutrio a Roma per il Santo Natale avrà ricadute rilevanti per la conoscibilità della nostra terra e per la valorizzazione della montagna. PromoturismoFVG attuerà quindi una campagna promozionale basata su 8 video teaser che saranno trasmessi sui canali social per raccontare e promuovere il presepe che, una volta terminate le festività, verrà riportato a Sutrio per essere nuovamente esposto".

L'assessore regionale alle Attività produttive e turismo Sergio Emidio Bini ha rimarcato che "è un'occasione imperdibile per far conoscere le bellezze e le ricchezze, in questo caso artistiche, del Friuli Venezia Giulia al mondo intero. L'abilità degli undici artisti che hanno plasmato dal legno delle nostre terre le figure del presepe sono la dimostrazione delle grandissime abilità e dell'ingegno degli artigiani della regione. In questi anni il nostro meraviglioso Friuli Venezia Giulia è stato al centro di un percorso di valorizzazione che sta portando ricadute concrete e l'Amministrazione regionale intende continuare con convinzione su questa strada".

Il sindaco di Sutrio Manlio Mattia ha spiegato come l'impegno per questo progetto, che avrà valenza mondiale, risalga al 2020 e come il suo intento sia di esprimere, attraverso il presepe, i valori della cristianità e dell'umanità. Infine, Monsignor Guido Genero, intervenendo in rappresentanza dell'Arcidiocesi di Udine, ha sottolineato come il presepe sia una professione di fede realizzata con le immagini e come questa rappresentazione metta in luce l'umanità di Dio che nasce come un bambino.

Il presepe, sostenuto dalla Regione e PromoTurismoFVG d'intesa con l'Arcidiocesi di Udine, ha una superficie totale di 116 metri quadrati sui quali sono disposte 18 statue ricavate da tronchi di legno massello di cedro. L'allestimento è stato concepito con grande attenzione ai valori della sostenibilità; la culla che ospiterà il bambino è stata realizzata dal direttore artistico del progetto Stefano Comelli assieme a Martha Muser e ricavata dall'intreccio delle radici di alberi abbattuti dalla tempesta Vaia. Ogni personaggio dell'opera brillerà, inoltre, grazie al progetto di light design donato al Comune di Sutrio dalla ditta croata Skirà.

A fare da sottofondo musicale al presepe saranno inoltre le melodie e le canzoni di alcuni artisti del Friuli Venezia Giulia:

due brani del coro di Ruda accompagneranno la cerimonia dell'accensione delle luci del presepe, inoltre "è Natale"

intonata da Andrea Nassivera e altri dieci brani, di cui due realizzati dal carnico Lino Straulino, che faranno da sottofondo al presepe per tutto il periodo di permanenza dell'opera a Roma.

I commenti dei lettori