In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Udine

Le chiese allentano le prescrizioni, torna la stretta di mano a messa

La Diocesi ha recepito le linee guida della Cei: sì al segno di pace e all’acqua benedetta all’entrata

Christian Seu
2 minuti di lettura

L'arcivescovo di Udine, monsignor Andrea Bruno Mazzocato

 

«Scambiatevi un segno di pace». E già dalle celebrazioni odierne quel segno potrà tornare a essere la stretta di mano, messa al bando dalle liturgie per oltre due anni durante l’emergenza pandemica.

È la principale novità contenuta nelle linee guida diramate nelle scorse ore dalla Conferenza episcopale italiana e recepite in toto anche dalla Diocesi di Udine, che ieri ha inoltrato ai parroci la lettere con «alcuni consigli e suggerimenti relativi alle misure di prevenzione della pandemia».

Lo scenario

Meno rigore, perché in fondo dalla primavera (quando vennero tratteggiate le più recenti linee guida della Cei sulla liturgia ai tempi del Covid) a oggi l’andamento dei contagi è mutato profondamente, rallentando progressivamente prima di risalire nelle ultime settimane.

Ecco allora che la conferenza dei vescovi italiani, in vista delle festività natalizie, ha ritenuto di rivedere le norme di comportamento, allentando ulteriormente le misure che hanno profondamente cambiato le messe negli ultimi due anni e mezzo.

«Assistiamo a un lento e graduale recupero della gestualità liturgica, pur con doverosa prudenza», sintetizza don Loris Della Pietra, direttore dell’Ufficio liturgico della Diocesi.

La stretta di mano

Sabato 3 dicembre dagli uffici dell’arcivescovado di Udine è partita la mail, indirizzata a tutte le parrocchie, con cui il vescovo Andrea Bruno Mazzocato ha inoltrato le linee guida della Cei a sacerdoti e ministri.

«Rispetto alle ultime indicazioni, la novità più rilevante riguarda il segno di pace», suggerisce don Della Pietra. «Si potrà ripristinare la consueta forma di scambio del segno della pace», recita uno dei punti contenuti nella lettera della Conferenza episcopale.

«Questa apertura consente di riappropriarci di una certa gestualità, soffocata dalle norme per il contenimento dei contagi. In particolare era risultato un po’ sbiadito il segno della pace», aggiunge il direttore dell’Ufficio liturgico.

Le altre misure

Nelle proprie indicazioni viene ribadita la possibilità di tornare a riempire le acquasantiere, come già evidenziato lo scorso maggio.

Nonostante il via libera della Conferenza episcopale, sono ancora oggi molte le chiese in Friuli che hanno preferito lasciare all’asciutto i contenitori all’ingresso.

Le mascherine non sono più obbligatorie, ma potranno essere raccomandate in particolari situazioni, mentre resta fortemente consigliata l’igienizzazione delle mani all’ingresso dei luoghi di culto.

Non è più obbligatorio assicurare il distanziamento tra i fedeli che partecipano alle celebrazioni: fedeli che devono evitare di prendere parte alle liturgie se presentano sintomi influenzali o se sono sottoposti a isolamento perché positivi al Covid.

A sacerdoti, diaconi e ministri è consigliato di igienizzare le mani prima di distribuire la Comunione. «Nella celebrazione dei battesimi, delle cresime, delle ordinazioni e dell’unzione dei malati si possono effettuare le unzioni senza l’ausilio di strumenti», precisa infine la lettera.

«Alcuni sacerdoti restano molto guardinghi, ma credo che sia necessario approcciarsi a questa fase con una certa serenità di fondo. Del resto se bar, ristoranti e luoghi di ritrovo sono aperti e frequentati regolarmente da mesi, non vedo perché il rigore debba interessare unicamente le chiese», conclude don Della Pietra.

La scelta di Gorizia

Non tutte le diocesi della regione si sono adeguate in maniera integrale alle norme della Cei. L’arcivescovo di Gorizia, Carlo Maria Roberto Redaelli, ha diramato una nota pastorale con la quale «tenendo conto che nella nostra regione il numero dei contagi è purtroppo da settimane in aumento, richiama all’osservanza delle indicazioni precauzionali», che ricalcano quelle adottate finora: quindi niente scambio di pace («È opportuno continuare a evitare la stretta di mano o l’abbraccio»), acquasantiere vuote, comunione preferibilmente in mano e mascherine consigliate.

Regole che interesseranno i fedeli di Aquileia e del Cervignanese, che ricadono nell’ambito dell’Arcidiocesi goriziana.

I commenti dei lettori