In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Transizione ecologica

"A Roma comunità energetiche in trecento scuole"

"A Roma comunità energetiche in trecento scuole"
(reuters)
Il piano del sindaco Gualtieri che punta sull'energia, con la delibera approvata, il potenziamento del trasporto pubblico e l'utilizzo delle scuole per progetti territoriali di prossimità
2 minuti di lettura

C'è una forte sintonia fra i sindaci del mondo. Europei, sudamericani, asiatici... La rete C40 condivide un'agenda e un lessico", racconta Roberto Gualtieri, sindaco di Roma, intercettato fra una conferenza e l'altra al C40 Summit. "Le città, a differenza di tanti governi nazionali, si stanno realmente ponendo il problema della lotta al cambiamento climatico e della sostenibilità. Il concetto della città da 15 minuti, ad esempio, noi a Roma lo abbiamo messo al centro". Come dirà in seguito, la capitale "sarà un concentrato di green & blue, con un tocco di rosso", riferendosi all'unione fra politiche ambientali, economia e programmi sociali.

G&B Open Summit 2022, il sindaco Gualtieri: "La rivoluzione di Roma, capitale sostenibile"

Nove città italiane, fra le quali c'è anche Roma, si sono candidate per azzerare le emissioni entro il 2030 nell'ambito del progetto Mission for Climate-Neutral and Smart Cities dell'Unione europea. Ma un rapporto del ministero delle Infrastrutture sostiene che la situazione attuale è molto distante da questo obiettivo.

"La nostra candidatura è stata accettata in virtù della bontà del piano presentato. Naturalmente sappiamo che si tratta di una meta ambiziosa. L'essere capofila sull'abbattimento delle emissioni richiede trasformazioni profonde. Faccio degli esempi concreti: dobbiamo realizzare in modo diffuso le comunità energetiche e per questo abbiamo già individuato trecento scuole, una delle prime si trova Corviale ad esempio. Il trasporto pubblico poi deve essere potenziato, quindi nuove stazioni, linee dei tram, servizi legati alla mobilità, per i quali però servono investimenti da parte del governo centrale. Stiamo ragionando con gli altri sindaci della rete C40 di misure per disincentivare l'uso delle auto private cominciando dalle zone a basse emissioni che già si vedono a Londra e dal tassare i veicoli più inquinanti. Misure che devono andare in parallelo con il potenziamento del trasporto pubblico, la riduzione del suo costo e la gratuità per alcune fasce di reddito".

Dove si vedranno i primi cambiamenti concreti?
"Gli ambiti sono tanti e si stanno muovendo in parallelo. Per il trasporto pubblico ad esempio i cittadini vedranno nuove tranvie e metropolitane, oltre al miglioramento delle linee esistenti e ad un'integrazione fra tutte le possibilità di trasporto sostenibile nel giro di alcuni anni. Senza dimenticare la riorganizzazione dei servizi di sharing, dalle bici ai monopattini fino alle auto".

Però avete ridotto sia il numero di monopattini sia delle bici elettriche.
"Le abbiamo ridotte perché c'era un eccesso di mezzi e tutti presenti in centro. È stato imposto come condizione per vincere il bando per operare in città che siano disponibili nei vari quartieri perché non devono essere un mezzo di svago ma di trasporto. Ma su altre soluzioni serve tempo. La manutenzione delle linee della metropolitana per citare un caso era inesistente. Rimetterla in piedi significa avviare le gare, acquistare nuovi vagoni, restaurare le stazioni. Un'operazione gigantesca e necessaria, altrimenti dovremmo chiudere direttamente la metropolitana".

Come sarà la città da 15 minuti a Roma?
"Partiamo dal principio che bisogna portare i servizi ai cittadini, in prossimità di dove vivono, così che abbiano la libertà di muoversi quando vogliono e non perché sono costretti a farlo. Dunque avere nei quartieri le scuole, le biblioteche, i centri sportivi, i parchi, le aree giochi. È una trasformazione profonda di Roma che naturalmente per essere portata a termine richiederà alcuni anni. Ma stiamo già lavorando per portare molti servizi sul territorio entro questa legislatura. Abbiamo adottato il modulo che ha al centro la scuola, avviando quindici progetti, uno per municipio. Ecco perché abbiamo ridotto ad esempio le tariffe degli asili nido, aumentato la capienza e stiamo lavorando per allungare l'orario. Siamo in sintonia con la rete di metropoli C40. Ora si tratta di fare, di accelerare e di dimostrare concretezza".

Cosa invidia alle altre città e cosa Roma potrebbe insegnare?
"Ci sono città che hanno una capacità invidiabile di agire in tempi brevi, ma Roma ha anche lei dei punti di forza. Il nostro sistema delle scuole e tanti spazi verdi che altre città stanno tentando di creare. Abbiamo anche il progetto di piantare un milione di alberi e ci invidiano che a Roma esiste un'agricoltura e degli orti urbani, i quali hanno enormi potenzialità proprio nella logica della città da 15 minuti. Infine il connubio tra ambiente, cultura e storia: un modello per le metropoli del post pandemia".