In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Fu tutta colpa di Cadorna? La Storia rilegge Caporetto

Si moltiplica la pubblicistica in avvicinamento alla data del centenario 24 ottobre 1917: Lucchini e Falsini analizzano la tragica disfatta nazionale

2 minuti di lettura
Un libro per l’estate. Anzi due, usciti entrambi recentemente e sullo stesso soggetto: Caporetto, la sconfitta più dolorosa ed emblematica della storia nazionale italiana, dopo la quale il vocabolario si è arricchito di una parola che indica «disastro, fallimento totale, fuga rovinosa...».

“A Caporetto abbiamo vinto” è una rilettura documentata, già dal titolo provocatoria, proposta in modo serio e divulgativo al tempo stesso. Utilizzabile – perché no – anche nelle scuole.

Ripercorre le cause e lo sviluppo dei fatti, l’impatto sull’opinione pubblica e la memoria dell’evento attraverso un riuscito montaggio di voci di soldati, giornalisti, politici, scrittori e storici, integrate da una quantità di fotografie, cartoline e manifesti d’epoca che Stefano Lucchini ha raccolto con passione di collezionista.

Caporetto ha suscitato interpretazioni polemiche, censure e revisioni che ne hanno spesso distorto il significato.

Dopo duri scambi di accuse e la Commissione d’inchiesta istituita nell’immediato dopoguerra (che attribuì ad alcuni generali, in primis Luigi Cadorna, la responsabilità dell’accaduto), il fascismo volle seppellire il ricordo della disfatta (da più parti presentata come segno di un vizio di fondo del carattere degli italiani) e riabilitare il «generalissimo»: la rotta fu allora dipinta come una ritirata strategica per resistere meglio alle ultime sfuriate nemiche e porre le basi dell’«Italia di Vittorio Veneto».

Tuttavia, un «travisamento provvidenzialistico» può essere accolto solo in questa chiave: occorreva un tracollo di tale portata per liberare l’Italia dalla dittatura di Cadorna. “A Caporetto abbiamo vinto”, sì, perché ci siamo liberati di lui.

Nel 2011, anno di celebrazioni per i 150 anni dello Stato unitario, Udine ha cambiato nome a piazzale Luigi Cadorna, denominandolo piazzale Unità d’Italia.

Lucchini si rifà sia a questo fatto sia a Ferdinando Camon (il quale, esprimendo la vergogna di attraversare luoghi intitolati a Cadorna, scrisse che era giunto il momento di considerare quanto le sue imprese siano state «semplicemente tragiche, di una tragicità prevista o accettata, e in definitiva colpevole») e afferma: «Sì, quel momento è giunto, e questo libro aggiunge la sua voce alle tante che chiedono di togliere il nome di Cadorna dalle vie e dalle piazze italiane».

Con “Processo a Caporetto”, Luca Falsini avanza un vero e proprio atto d’accusa contro lo Stato maggiore dell’esercito.

I documenti della sopra citata inchiesta si arricchiscono qui di fonti inedite: note e appunti personali dei componenti della Commissione, bozze preliminari di giudizi secretate e stralciate dalla relazione ufficiale.

Emergono nuovi elementi sulle responsabilità degli uomini di governo e dei generali al comando (Cadorna, Capello, Cavaciocchi, Badoglio...).

Ma vi furono responsabilità rilevate dalla Commissione che, per logiche politiche, vennero poi taciute.

Di notevole interesse la ricostruzione sia degli scontri interni alle alte gerarchie militari sia dei complicati rapporti tra il potere militare e quello politico.

Nello scenario delineato, Caporetto – che ebbe peraltro l’effetto di accelerare i processi autoritari anticipatori del regime fascista – si conferma «un passaggio imprescindibile per ogni riflessione sulla nostra storia contemporanea»; nondimeno, l’autore non offre una visione «caporettocentrica», giacché Caporetto «non è la chiave interpretativa della nostra guerra e ancor meno ne rappresenta l’esito finale».

La nostra guerra «non fu solo crisi, sconfitta, diserzione e resa»: un contributo che accresca la già nutritissima letteratura in materia non può trascurare il valore, i sacrifici, la tenacia e l’abnegazione di tanti italiani, anche sul fronte interno, fino alla vittoria.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori