Foibe, le parole di Tajani scatenano la reazione di Croazia e Slovenia

Zagabria: "Revisionismo e irredentismo inaccettabili". Lubiana: "Quelle frasi suscitano paura". E il presidente del Parlamento europeo: "Mi riferivo agli esuli istriani e dalmati di lingua italiana, nessuna rivendicazione territoriale"