Contenuto riservato agli abbonati

Piccolo con la febbre, muore a sei mesi: causa all'azienda sanitaria, la battaglia dei genitori va avanti da 14 anni

I legali: «Vaccino esavalente dato quando aveva la febbre». Ma il primo verdetto ha stabilito che non c’era alcun nesso 

PORDENONE. Il 22 dicembre 2006 un bimbo di 6 mesi fu trovato in arresto respiratorio dopo il riposo mattutino all’asilo nido. Dopo la disperata corsa in ambulanza, ne fu constatato il decesso in ospedale. L’autopsia, disposta dalla procura, stabilì che si era trattato di una morte improvvisa infantile (Sids), conosciuta come morte in culla.

Quattordici anni dopo continua la battaglia dei genitori, che hanno fatto causa all’allora azienda per l’assistenza sanitaria 5 Friuli occidentale, oggi Asfo, chiedendo un risarcimento milionario.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Expo 2020: Leonardo porta a Dubai #T-TeC, il concorso di tecnologia di Telespazio

Rosti di uova e rapa rossa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi